giovedì 21 settembre 2017

COME GUADAGNARE CON ELECT CAPITAL



Elect Capital è una piattaforma di investimento online per il trading delle criptovalute Le attività principali di Elect Business Technology Limited sono:

1. Elect Capital Fornisce l'opportunità di guadagno passivo
2. Elect Trading 
Fornisce l'opportunità di guadagnare tanto e in fretta
3. Elect Career 
Fornisce l'opportunità di costruire una carriera di successo

Elect Capital è sul mercato dal 2000, L'azienda ha uno staff di oltre 120 impiegati, Più di $ 180 milioni in gestione fiduciaria, Deposito medio del nostro cliente $1860
e qui sotto le varie modalita di guadagno con Elect Capital

Elect capital 
ci sono 4 piani di deposito , i guadagni arrivano dal trading automatizzato dell'azienda che suddivide i profitti con i propri iscritti
il piano piu' conveniente e il GOLD 20% al mese per 12 mesi, al termine dei 12 mesi viene rimborsato il capitale versato, link registrazione https://elect.capital/invite/866325

Elect Trading
ora è possibile tradare direttamente manualmente dal sito sulle cryptomonete, si puo' usare un conto DEMO oppure REAL usando i fondi che hai sull'ACCOUNT BALANCE
Elect Trading è una simbiosi tra Trade Exchange, Bitcoin, Betting, Forex, Betting Shop che opera secondo le regole del business online nel mercato delle criptovalute. I vantaggi di usarla:
La redditività di una transazione è fino al 95%
Opportunità di fare soldi in 1 minuto.
Il trading delle criptovalute è attivo e altamente redditizio
Operazioni semplici
Design moderno
Tasse per ogni transazione realizzate su misura
Interfaccia user-friendly
Non richiede conoscenze o abilità particolari

Elect Career
qui si guadagna sulle affiliazioni, riassumendo guadagni il 10% su tutti i depositi dei tuoi ref diretti
e 4% e 2% sulla seconda e terza linea, ci sono anche dei bonus sul volume di affari di tutta la struttura
di affiliati. queste le qualifiche:

AGENTE BRONZO :Per qualificarsi come agente di bronzo devi avere 3 partner con depositi attivi sul tuo primo livello, l’investimento personale è di 50 $

AGENTE ARGENTO :Per qualificarsi come agente di bronzo devi avere 6 partner con depositi attivi sul tuo primo livello e un agente di bronzo nella tua struttura, l’investimento personale è di 100$

AGENTE ORO: Per essere qualificato come agente d’oro, il giro d’affari della tua squadra dovrebbe essere di 5000 $. Dopo aver raggiunto questo status riceverai 250 $ bonus

AGENTE PLATINO
Per essere qualificato come agente di platino, il giro d’affari della tua squadra dovrebbe essere di 10000 $. Investimento personale 300$.

AGENTE DIAMANTE
Per essere qualificato come agente diamante, il giro d’affari della tua squadra dovrebbe essere di 20000 $. Dopo aver raggiunto questo status riceverai 1000$ bonus
la carriera prosegue con

DIRETTORE BRONZO  Dopo aver raggiunto questo status riceverai 2000$ bonus
DIRETTORE ARGENTO Dopo aver raggiunto questo status riceverai 4000$ bonus
DIRETTORE ORO Dopo aver raggiunto questo status riceverai 8000$ bonus
DIRETTORE PLATINO  Dopo aver raggiunto questo status riceverai 16000$ bonus
DIRETTORE DIAMANTE  Dopo aver raggiunto questo status riceverai 25000$ bonus

REFERAL BONUS DA ELECT TRADING
ricevi il 3,5% dalla prima linea e 2% dalla seconda e terza linea


I PASSI DA FARE PER COMINCIARE A GUADAGNARE CON ELECT CAPITAL
cliccare  REPLENISH e scegliere il metodo di pagamento BITOCOIN LITECOIN ADVCASH PERFECT MONEY ECT inserire la cifra in dollari e PAY NOW in questo modo carichi il tuo
PERSONAL ACCOUNT dopo di che puoi depositare vai su CAPITAL- OPEN DEPOSIT , scegli il piano, consigliato GOLD e metti la cifra da depositare, da adesso in avanti ricevi ogni giorno la tua percentuale di guadagno, ricordati di compilare il programma di affiliazione in modo cosi' di avere il proprio REFERAL LINK da usare per iscrivere nuovi affiliati, per ritirare i guadagni il minimo ritiro é 10$ compilare PERSONAL ACCOUNT - MY WALLET inserire l'indirizzo BITCOIN oppure ADV CASH o PERFECT MONEY

per assistenza e consulenza
ernestivo@gmail.com
ivano Antar Vagnotti FB

Programma per lo sviluppo della comunicativita’

PER RELATORI, NET WORKER, INSEGNATI STUDENTI ECT... NON PERDETEVI QUESTA POSSIBILITA'

Non inganni quel nome così “tecnico”; non è solo un programma per comunicare meglio, è un qualcosa che:
- cambia la percezione che le persone hanno di te, soprattutto se devi dare un esame o devi fare una relazione;
- ti regala molta sicurezza e “scioltezza” nel comunicare;
- facilità persino lo studio del materiale che devi imparare.


A volte bastano uno o due ascolti, per sentire degli effetti.
Questo programma è destinato per lo sviluppo di capacità (verbale) di comunicazione, sarà facilitata la comunicazione con le persone, diventa più facile esprimersi. L'impatto del programma è su 2 livelli: livello uno. Il programma utilizzato il vettore frequenza è indagato a 141, 27Gc tasso è il tasso di chakra della gola (Višudhi) è anche la frequenza del pianeta Mercurio. Questa frequenza di sblocco del chakra della gola, ha un effetto benefico sulla nostra capacità di esprimere i pensieri.



Il secondo livello è alternato con onde alfa e beta , in modo tale da incoraggiare le abilità verbali. L'effetto combinato di primo e secondo livello vi aiuterà a migliorare le vostre abilità di comunicazione.


Come usare questo programma? Per ottenere risultati che è necessario utilizzare questo programma come una meditazione. Ascolto in background in qualsiasi altra occupazione non porterà il risultato desiderato. Devi chiudere gli occhi e concentrarsi sulla respirazione, entrare in uno stato meditativo, solo allora lo porterà. Come meditare? Assumere una posizione confortevole corpo, essere sicuri di chiudere gli occhi, interrompere il dialogo interno e in pochi minuti sarete in un piacevole stato di rilassamento. Prima della meditazione, si consiglia di bere un bicchiere di acqua pura. Questo programma, è auspicabile per ascoltare in cuffia, ma non obbligatorio, è possibile utilizzare gli altoparlanti. ATTENZIONE! Lavorare con questo programma preferibilmente la mattina o il pomeriggio. Quando si lavora con il programma nelle ore serali in persone sensibili può causare insonnia. Questo programma non è consigliato a persone affette da epilessia, persone con pacemaker, donne incinte e adolescenti fino ai 16 anni.

mercoledì 20 settembre 2017

LIBRO DI TRADING CONSIGLIATO

La trendline, una retta che unisce massimi o minimi relativi, secondo l’orientamento del mercato. Nulla vi è di più semplice in analisi tecnica ma, probabilmente, nulla vi è nemmeno di più complesso, al punto che nell’ultimo decennio il mercato editoriale non ha visto la pubblicazione di alcun libro specificamente dedicato all’argomento. Tanto meno si è scritto dei metodi delle trendline di Alan Andrews, che pure, come avrete voi stessi modo di appurare leggendo, sono di una chiarezza applicativa e ideativa straordinaria, e probabilmente di un’altrettanto straordinaria efficacia, o almeno questa è l’opinione dell’autore del presente libro, Patrick Mikula, consulente di trading che ha dedicato oltre dieci anni della sua vita allo studio di innumerevoli metodologie operative basate sulle trendline, riconoscendo infine ai metodi delle trendline di Andrews una correlazione con i mercati assolutamente unica, tale da condurlo a ravvisare in essi «il valido fondamento di un redditizio sistema di trading».




http://www.tradinglibrary.it/scheda-libro/mikula-patrick/sistemi-di-analisi-tecnica-basati-sulle-trendline-9788888253633-135919.html

sabato 16 settembre 2017

CAMELBACK di Joe Ross: La Strategia Completa

Joe Ross ci ha insegnato la strategia Camelback, una semplice ma efficace stratgia di Scalping valida su tutti i Timeframe. La Camelback è utilizzata da Trader professionisti ma è particolarmente adatta anche ai principianti. Vediamola insieme

Da Forex Facile -
22 luglio 2015




INDICE DEI CONTENUTI
[nascondi]
1 Gli strumenti necessari per la strategia Camelback
2 Iniziamo ad operare con al Strategia Camelback di Joe Ross
3 I segnali di entrata per la Strategia Camelback
4 Chiariamo cosa sono i Massimi e Minimi locali
5 Esempio di Ingresso SHORT
6 Esempio di Ingresso LONG
7 Il Trader’s Trick Entry di Joe Ross applicato alla Camelback
8 QUANDO NON USARE LA STRATEGIA CAMELBACK
9 Come esercitarci con la Camelback di Joe Ross

Oggi vi presento una strategia di trading (valida anche per le opzioni binarie) ideata dal Maestro del Trading Joe Ross.

La strategia Camelback è una strategia molto semplice e applicabile anche da chi sta iniziando a negoziare per la prima volta, infatti richiede l’utilizzo di pochi e semplici indicatori tecnici e funziona su qualsiasi timeframe temporale.

Il punto fondamentale della strategia Camelback è assicurarci di operare in un mercato in Trend, non importa che sia uptrend o downtrend.

Diamo per scontato che sappiate identificare un mercato in Trend o in Range, eventualmente potete rinfrescarvi le idee leggendo questo articolo.


Gli strumenti necessari per la strategia Camelback

vediamo gli strumenti diretti da inserire per la tecnica Camelback di Joe Ross:
Una media mobile esponenziale a 15 periodi (EMA)
Una media mobile semplice a 40 periodi impostata sui massimi(High SMA)
Una media mobile semplice a 40 periodi impostata sui minimi (Low SMA)

Quindi dopo aver verificato che il mercato si trovi in un effettivo stato di Trend, impostiamo gli indicatori della nostra Piattaforma di trading con i parametri sopra elencati.

LEGGI PURE

IL PRINCIPIO DELL'ALTERNANZA DEL PREZZO


Inseriamo gli indicatori: clicca sul pulsante F+ dalla barra degli strumenti e seleziona Moving Average.
clicca per ingrandire

Si aprirà la schermata delle medie mobili e impostiamo quelle che ci servono come sono state descritte precedentemente, consiglio anche di scegliere colori diversi, ad esempio il rosso per la EMA a 15 periodi e il blu per entrambe le SMA a 40 periodi, così da non confonderci tra le 3 linee che si creeranno sul grafico.


Iniziamo ad operare con al Strategia Camelback di Joe Ross

Una volta impostate correttamente le medie mobili, noteremo che le due SMA blu formeranno un canale molto importante per la nostra Camelback, infatti ci indicano che quando il prezzo si trova all’interno del canale noi NON dobbiamo aprire nessuna posizione, nell’immagine sottostante abbiamo evidenziato questa zona di non operatività con delle X.

I nostri punti di entrata dovranno essere ricercati quando il prezzo si trova al di sopra del canale in un Uptrend e al di sotto del canale in un Downtrend.
I segnali di entrata per la Strategia Camelback

Dopo esserci assicurati di essere in Trend e di trovarci al di sopra o al di sotto del canale delle medie, possiamo ricercare un segnale di entrata quando la SMA a 15 periodi è obliqua, elemento tra l’altro che conferma la presenza del nostro trend.


SI CREA UN PUNTO DI ENTRATA IN ACQUISTO/VENDITA QUANDO IL PREZZO SI TROVA AL DI SOPRA/SOTTO DEL CANALE E NEL MOMENTO IN CUI ROMPE LA BARRA CHE FORMA UN MINIMO/MASSIMO LOCALE
Chiariamo cosa sono i Massimi e Minimi locali

Quando operiamo con la Strategia Camelback, dobbiamo ricercare i punti Massimi e Minimi locali.
Sono MASSIMI LOCALI quelle candele che hanno il punto massimo superiore alla cadela che le ha precedute
Sono MINIMI LOCALI quelle candele che hanno il punto minimo inferiore alla candela che le ha precedute

Per applicare corettamente la strategia Camelback di Joe Ross, dobbiamo ricercare i massimi locali in un trend ribassista e i minimi locali in un trend rialzista.



Nell’immagine a destra, ho evidenziato tutti i massimi locali in un trend ribassista, infatti se notate, tutte le candele contrassegnate hanno un punto massimo superiore alla candela che le precede.







Se ricerchiamo un Minimo Locale in un trend rialzista invece, dobbiamo cercare tutte quelle candele con un minimo più basso della candela che le precede, vedi l’immagine a sinistra.

LEGGI PURE

Money Management e Gestione del Rischio


Tutti i punti segnati nelle due immagini precedenti sono dei potenziali punti di ingresso per la strategia Camelback.

Hai chiaro come individuare i punto Massimi e Minimi locali? Se così non fosse, scrivimi una email o un commento in fondo all’articolo e vedrò di chiarire i tuoi dubbi!

Non cadere nell’errore di confondere i Massimi/Minimi locali con l’Uncino di Ross, sono due cose diverse che utilizzano dei diversi ingressi a mercato, in questo articoloabbiamo affrontato anche questo argomento.
Esempio di Ingresso SHORT



Analizziamo questa fattispecie:
I prezzi si muovono al di sotto del canale del trend e al di sotto della EMA 15
Il trend è chiaramente ribassista e la EMA 15 ha una inclinazione verso il basso
I prezzo forma un massimo locale, cioè una candela con un punto massimo più alto della candela che la precede

Dato che tutte le condizioni della strategia Camelback si sono avverate, antriamo con un ordine SHORT alla rottura del minimo della candela che ha formato il massimo locale.
Esempio di Ingresso LONGclicca per ingrandire



In questo caso, stiamo operando con la Camelback in un mercato in trend rialzista, quindi:
I prezzi si muovono al di sopra del canale del trend e al di sopra della EMA 15
Il trend è chiaramente rialzistae la EMA 15 ha una inclinazione verso l’alto
I prezzo forma un Minimo Locale, cioè una candela con un punto minimo più basso della candela che la precede

Questa volta, entriamo LONG alla rottura del massimo della candela che ha formato il Minimo Locale.
Il Trader’s Trick Entry di Joe Ross applicato alla Camelback

Adesso che abbiamo chiaro come individuare correttamente i punti di ingresso a mercato, dovete sapere che il famoso Trader’s Trick Entry di Joe Ross (il cosidetto “trucco del trader” abbreviato in TTE), può essere applicato anche alla strategia Camelback, infatti non è sempre detto che il prezzo, superato un Massimo/Minimo locale continui la sua corsa; potrebbe ritornare indietro.

Grazie alla TTE, ampiamente descritta in questo articolo, riusciremo a chiudere in profitto il trade anche nel caso di un possibile rimbalzo… vediamo come:

Riassumendo brevemente, la TTE ci permette di anticipare i movimenti di mercato per evitare di cadere nelle trappole volute dai soggetti interni del mercato per farci aprire dei trade e farci chiudere in chiusura.

LEGGI PURE

Tecnica del Secondo Attraversamento di Joe Ross


Per anticipare il mercato, ad esempio in un trade con la strategia Camelback in mercato rialzista, possiamo acquistare alla rottura del massimo della prima barra di correzione alla candela che forma il minimo locale e non alla sua rottura del massimo.clicca per ingrandire

Questo è un classico esempio di un minimo locale formato durante un trend rialzista. La candela ‘b‘ rompe il massimo del Minimo Locale, quindi sarebbe il nostro corretto punto di ingresso con la strategia camelback ma subito dopo, nella candela ‘c‘ il prezzo invece di continuare la sua corsa inverte momentaneamente.

L’ingresso in TTE è previsto alla rottura del massimo della candela ‘a‘, e anticipando in questo modo il movimento ci troviamo in profitto anche quando il prezzo ritorna momentaneamente indietro.

Lo stesso discorso vale quando un mercato si trova in trend ribassista.
QUANDO NON USARE LA STRATEGIA CAMELBACK

Non dobbiamo usare questa tecnica quando:
Il Mercato non è in Trend
La EMA15 si muove piatta con i prezzi che la tagliano al rialzo e al ribasso
I prezzi si muovno all’interno del canale del trend formato dalle SMA40
Le rotture avvengono in GAP

Questa semplice strategia funziona con tutti gli intervalli temporali, c’è chi la utilizza anche per le opzioni binarie data la sua efficacia.

mercoledì 13 settembre 2017

Strategia Forex: Moving Average Cross

Strategia Forex: Moving Average Cross

La strategia di forex trading basata sulla Moving Average Cross è un sistema semplice che si basa sull’incrocio di due indicatori standard, l’EMA veloce (media mobile esponenziale) e l’EMA lenta.

Linee guida
Si tratta di una strategia molto facile da seguire
Gli indicatori utilizzati sono semplici
E’ facile impostare stop-loss
Le medie mobili sono lag e possono restare fino a 10 bar
E’ inefficace durante i mercati flat

Set Up della Strategia

In questa strategia del forex dovrebbero funzionare ogni coppia di valute e vari tempi dovrebbero funzionare. Per prima cosa aggiungete una media mobile esponenziale al grafico e impostate il suo periodo a 9, il colore sarà impostato sul rosso, opzionale, questa sarà la vostra media mobile veloce (FMA). A questo punto aggiungete un’altra media mobile esponenziale al grafico impostando il suo periodo a 14, il colore sarà impostato sul blu, opzionale, questa sarà la vostra media mobile lenta (SMA).

La vera minaccia a bitcoin non è la Cina

In questi giorni si parla molto degli effetti deleteri (ormai molto ridotti) sul prezzo di bitcoin e le altre criptovalute dovuti ai regolatori finanziari cinesi.
Dopo i primi giorni passati a seguire queste futili altalene di notizie (seguite da altrettanto futili altalene di quotazioni), ho realizzato che stavo solo perdendo tempo e ho ripreso a studiare i processi profondi che influenzano le criptovalute, su cui vale la pena soffermarsi molto di più.
Ho scoperto così una minaccia che a lungo termine può danneggiare molto di più l’utilizzo delle criptovalute.
Personalmente, ho sempre pensato che i governi non sono l’unico male per il nostro benessere finanziario, e non solo nel campo delle criptovalute.
Ritengo infatti che una minaccia altrettanto importante, ma spesso troppo sottostimata, provenga dal comportamento delle persone, cioè da ognuno di noi…
Facciamo un esempio…
Nel campo delle criptovalute si discute spesso se queste ci consentiranno un giorno di fare a meno di banche e governi.
In teoria infatti, la tecnologia sottostante alle criptovalute, cioè la blockchain, consente di criptare dati sensibili in modo molto più sicuro rispetto ai sistemi attuali, e di validarli conservando l’anonimato dei possessori di quei dati, senza doversi rivolgere a una terza parte che faccia da garante.
In parole povere, visto che banche e istituzioni governative esistono proprio perché finora abbiamo avuto bisogno di loro per garantire l’incolumità e la validità dei nostri dati, con la blockchain ne potremmo fare tranquillamente a meno.
Questo in teoria, appunto…
Nella pratica invece, per sapere se davvero un giorno faremo a meno di banche e governi, non basta accertarci se esista o meno una tecnologia che ci consenta di farlo.
Molto più importante è capire se le persone la adotteranno o meno…
Infatti, può anche esistere una tecnologia rivoluzionaria, ma se nessuno la adotta, questa non rivoluzionerà un bel nulla.
Tutto questo preambolo serve a introdurre un fenomeno che sto osservando da un pò di tempo e che viene abitualmente interpretato in modo positivo, mentre per me costituisce una vera e propria minaccia all’uso delle criptovalute.
Parlo dei tentativi della finanza “normale” di appropriarsi di questo mercato.
Come dicevo, questo fenomeno non viene considerato negativo, anzi…
Tempo fa ad esempio si parlava del fatto che la Società finanziaria fondata dai fratelli Winklewoss aveva chiesto alla SEC (Security and Exchange Commission) il permesso di creare un fondo di investimento in bitcoin.
Quando il fondo dei Winklewoss fu rigettato dalla SEC, il prezzo di bitcoin ebbe un calo notevole.
Si sperava infatti che l’approvazione del fondo da parte della SEC implicasse una indiretta approvazione di bitcoin da parte di questa importante istituzione governativa.
La mancata approvazione implicava al contrario, secondo il senso comune, relegare bitcoin fra i paria degli asset di investimento…
Ci si dimenticava però che bitcoin era nato proprio per fare a meno della finanza tradizionale.
Che valore poteva avere per bitcoin l’approvazione di una istituzione che bitcoin stesso ha il potere di rendere del tutto superata?
Se questa ti sembra solo una questione accademica, ti faccio ora un esempio molto più pratico (e sorprendente) di come la finanza tradizionale e le criptovalute siano incompatibili, dimostrando che quando tentano di avvicinarsi, creano solo storture.
Anche se la domanda dei Winklewoss è stata rigettata dalla SEC, esiste già ora un altro modo per investire in bitcoin attraverso la finanza tradizionale, ed è il Bitcoin Investment Trust della Fidelity (GBTC, nel mercato OTC americano).
Osservando il comportamento di questo fondo, capirai all’istante dove voglio arrivare.
In apparenza, infatti, questo trust è una manna per l’investitore pigro.
Invece di imparare a usare le piattaforme apposite e i wallet per tradare le cirptovalute e conservarle nella blockchain, basta mettere un pò di soldi nel fondo e il gioco è fatto.
Purtroppo però l’investitore pigro è anche quello più soggetto alle fregature
E anche in questo caso, ne abbiamo la conferma…
Il grafico sotto mostra infatti che da giugno il prezzo delle quote di questo trust è arrivato a superare del 100% il prezzo del sottostante, cioè di bitcoin:
Il che significa che chi compra ora quote di questo trust è come se pagasse bitcoin a un prezzo più alto del 100% rispetto all’originale!
Non proprio l’affare del secolo!
Pensare che bitcoin e le altre criptovalute sono state create proprio per evitare le distorsioni della finanza tradizionale, rende ancora più triste e tragico (e anche un pò ridicolo) il fatto che ci siano persone disposte a farsi fregare in questo modo!
E qui torniamo al discorso iniziale…
Come dicevo, finché esisteranno persone del genere, tutta la tecnologia di questo mondo non riuscirà a migliorare di un millimetro le nostre condizioni di vita.
Ed ho il sospetto che, purtroppo, persone del genere siano la maggioranza nella popolazione mondiale.
Mi viene sempre in mente il fatto che da quando Hitler prese il potere (bada bene: attraverso regolari elezioni!) fino allo scoppio della seconda guerra mondiale, solo il 10% degli Ebrei si rese conto di ciò che succedeva e pensò bene di lasciare la Germania prima che le cose precipitassero.
Solo il 10%…
E questo non vale solo per gli Ebrei, vale per tutta la razza umana.
E’ nella natura umana avere bisogno di sicurezza e stabilità, possibilmente fornite da qualcuno che riteniamo essere migliore di noi…
La maggior parte di noi è disposta a sacrificare anche la propria autonomiaper soddisfare questo bisogno.
Ecco perché c’è così tanta gente disposta a pagare bitcoin il 100% più del suo prezzo reale, pur di essere rassicurati dal logo e dal nome di “Fidelity”, la Società di gestione del fondo dotata di tutti i permessi e le approvazioni di rito.
Ora comprendi perché la finanza tradizionale è una minaccia per bitcoin e le criptovalute tanto quanto lo sono gli enti governativi e gli stati?
Il motivo è che, proprio come i governi, anche la finanza tradizionale fa leva sul bisogno di sicurezza e (mi si perdoni) sull’ignoranza delle masse.
E in più la sua affermazione è molto più subdola di quella dei governi.
Una notizia di oggi annuncia il lancio di Hedge Token, un nuovo indice che intende creare, attraverso derivati finanziari, dei benchmark sui prezzi delle principali criptovalute, proprio come, ad esempio, Standard & Poor ha creato un indice delle azioni delle principali società americane.
Anche in questo caso, la notizia viene dipinta come un progresso nell’uso delle criptovalute, ma tutti sappiamo ormai troppo bene che quando una singola istituzione si arroga il diritto di decretare il prezzo unitario di una cosa, si arroga il diritto anche di manipolarlo.
Sottrarre un bene alla continua regolazione del mercato e stabilire che il suo prezzo sarà fissato in base alle quotazioni di derivati finanziari, è il primo passo verso il suo controllo e anche la sua manipolazione.
L’esempio che abbiamo fatto prima del Bitcoin Investment Trust è la facile dimostrazione di quanto la finanza possa falsare il prezzo di qualcosa (e lo sta già facendo, nel caso di bitcoin), anche senza avere la chiara intenzione di manipolarlo.
Cosa succederebbe se il prezzo del Bitcoin Investment Trust (che abbiamo visto essere superiore del 100% rispetto al sottostante) diventasse il benchmark del prezzo di bitcoin al posto del prezzo stabilito tutti i giorni dal mercato?
Ecco, questo è proprio il meccanismo che Hedge Token vorrebbe instaurare. Lo stesso meccanismo perverso che ha prodotto false quotazioni clamorose, come quelle dei metalli preziosi, manipolate da anni dal London Bullion Market sotto il naso degli organismi di controllo.
Morale della favola: come andrà a finire la lotta incessante tra le criptovalute e il mondo finanziario tradizionale approvato dai governi e in combutta con essi per il controllo dei nostri soldi?
Nonostante questo articolo possa far pensare il contrario, non sono così pessimista da ipotizzare che il mondo resterà così com’è.
Nella blockchain c’è posto per tutti e credo che si arriverà a una situazione mista in cui da una parte, governi e istituzioni finanziarie si faranno le loro brave blockchain centralizzate (cioè addomesticate), che conviveranno con le blockchain decentralizzate, le sole che conserveranno tutto il potere “rivoluzionario” di questa tecnologia.
A quel punto, la lotta fra blockchain “buona” e blockchain “cattiva” non verrà più condotta a suon di divieti e imposizioni (che già oggi, come la Cina sta sperimentando sulla sua pelle, si stanno rivelando inutili per combattere la blockchain).
Piuttosto, la lotta si sposterà su campagne di persuasione finalizzate a convincere le persone a usare la blockchain “addomesticata”, che verrà pubblicizzata dai governi, con l’aiuto delle istituzioni finanziarie, come la sola capace di garantire “sicurezza” e “trasparenza”.
In questo scenario non molto lontano, temo che la maggior parte delle persone si farà abbindolare come al solito, barattando, in cambio di questa illusoria sicurezza, la propria autonomia finanziaria e la capacità di maturare rendimenti che oltrepassino i limiti molto ristretti consentiti dalla finanza tradizionale.
Spero però che non siano poche le persone che invece continueranno a sfruttare la blockchain indipendente (quella vera), che è stata creata proprio per consentire alla gente di riprendersi il controllo delle proprie finanze e di riconquistare il potere di generare rendite simili a quelle che i padroni della finanza oggi riescono a ottenere sulle spalle delle persone comuni.
Questa lotta è in corso già oggi.
Come ti ho appena mostrato, esiste già la prima “trappola finanziaria” che sta impedendo a tante persone di sfruttare i vantaggi delle criptovalute. E già altre “trappole” sono in corso d’opera…
Dall’altra parte della barricata però esiste un mondo in pieno fermento, quello delle blockchain e delle relative criptovalute, che ha la capacità di utilizzare a proprio vantaggio le sfide del mondo tradizionale per diventare ogni giorno più forte…
Dice bene l’articolo di Bloomberg dal titolo significativo: “Avanti, vediamo come farete a bannare le ICO!”: “c’è da chiedersi, dice infatti l’articolo, come può un governo vietare un fenomeno che oltrepassa i suoi stessi confini”.
La blockchain e le criptovalute sono qui per restare e governare il mondo. Non ho alcun dubbio su questo.
L’unica differenza sta nel modo in cui verranno adottate dalle persone.
Se diventerà un fenomeno virale come internet, tanto meglio.
Ma c’è anche la possibilità che il senso di insicurezza delle persone prevalga, facendo diventare la blockchain un fenomeno per élite ristrette che grazie ad essa conquisteranno un potere finanziario molto superiore a quello della gente comune, senza però la possibilità di diffondere la stessa libertà e prosperità a una maggioranza che non vorrà saperne di queste “diavolerie”.
In un caso o nell’altro, tu devi fare la tua scelta.




Fonte
https://www.blockchaintop.com/bitcoin-cina/

domenica 10 settembre 2017

ATTENZIONE CICLI DI AGGIORNAMNETO IN ELECT CAPITAL

Attenzione a tutti!!!! Leggere bene e avvisare tutti suoi sottoscritti visto che non sono presenti tutti nell gruppo !!!!!
Cari clienti e agenti!

Siamo lieti di informarvi che Elect Capital sta avviando un ciclo di aggiornamento dei sistemi elettronici, migliorando la protezione dei database, accelerando il sito, implementando nuove interfacce, presentando un nuovo prodotto, ecc.
L'implementazione di tutto il 100% del ciclo di aggiornamenti Elect Elect sarà di 30 giorni, ovvero dal 09.09.2017 al 09.10.2017.
Durante l'intero periodo di attuazione, sono possibili problemi a breve termine per l'accesso al sito, in quanto il lavoro tecnico sul sito verrà eseguito 24 ore su 24.
Il ciclo di aggiornamento non è correlato alle operazioni finanziarie della società. I pagamenti vengono effettuati secondo le regole in modalità normale!

Dal momento che Elect Capital è una piattaforma online complessa basata su clientela e viene servita quotidianamente da un gran numero di visitatori, è stato deciso di implementare il ciclo di aggiornamenti aziendali in 3 fasi per il massimo comfort e la sicurezza dei dati.
1 FASE
Esecuzione di un sito web aggiornato e di un'interfaccia personale per l'ufficio in modalità Beta.
Realizzazione del funzionamento del cabinet personale del 70%.
Disponibilità del 70% del contenuto sul sito.
Lancio di una società di pubblicità in lingua russa in modalità Beta.
Avviare la registrazione tramite conferma SMS per i conti di sicurezza elevata.

Termine prima del 12.09.2017
2 FASE
Lancio di un nuovo prodotto Elect Trading in modalità Beta.
Aggiunta di nuove lingue sul sito e nell'armadietto personale dell'azienda.
Eliminazione di errori nel lavoro del sito e nell'ufficio personale della società.
Lancio di una società di pubblicità in lingua inglese in modalità Beta.
Condurre una serie di webinar di formazione.

Termine prima del 20.09.2017
3 FASE
Il lavoro dell'armadietto personale nella modalità normale in 11 lingue.
Il lavoro di Elect Trading è in modalità normale.
L'eliminazione finale di tutti gli errori nel lavoro del sito e dell'ufficio personale della società.
Un lavoro completo di un'azienda pubblicitaria in diverse lingue in tutto il mondo nel modo regolare.
Connessione di autenticazione a due fattori per la massima sicurezza dell'account.
Pubblicazione dell'elenco degli eventi aziendali.
Esecuzione dell'opportunità di lavorare su un account demo.
La realizzazione del funzionamento del cabinet personale è completa del 100%.
La presenza del 100% del contenuto sul sito.

Termine prima del 10/09/2017
Come in qualsiasi altro prodotto software, purtroppo gli errori sono inevitabili. Il dipartimento IT della società risolverà rapidamente le malfunzionamenti riscontrate e lavora costantemente sull'attuazione del ciclo di aggiornamenti di Elect Capital.
Puoi inviare informazioni sugli errori all'e-mail: support@elect.capital, in modo da accelerare la loro eliminazione e il team di specialisti sarà estremamente grato per il tuo aiuto.

Una richiesta enorme, per essere simpatici per l'eventuale disagio temporaneo dell'uso dei prodotti Elect Capital, dato che siamo sicuri che ognuno di voi rimarrà soddisfatto del risultato finale del ciclo di aggiornamento.

Segui le notizie della società!
Grazie per averci con noi.
Sinceramente, il team di Elect Capital!

My affiliate link
https://elect.capital/invite/866325


venerdì 8 settembre 2017

COSTO DELLA VITA IN BULGARIA

Quanto costa vivere in Bulgaria? Il costo della vita in Bulgaria è piuttosto vantaggioso se comparto all’Italia. Per un italiano acquistare in Bulgaria è molto più economico soprattutto grazie al cambio favorevole. La moneta bulgara (Leva) è infatti quotata due a uno con l’euro, e questo comporta un sostanziale aumento della capacità di acquisto per gli stranieri. Vediamo alcuni esempi di prezzi in Bulgaria.


Stipendi in Bulgaria

Gli stipendi minimi Bulgari si aggirano intorno ai 450 Leva mensili (230 euro), quindi è facile immaginare come il costo della vita in Bulgaria sia proporzionato a tale reddito. Ovviamente gli stranieri che si trasferiscono in Bulgaria lo fanno solitamente per lavori più specializzati che sono pagati meglio. Ad esempio, un impiegato di call center con conoscenza di due lingue (es. Italiano e Inglese) può facilmente percepire 700/900 Euro mensili.


Costo immobili in affitto e vendita

E’ molto conveniente un affitto o l’acquisto di un immobile per uno straniero. I prezzi variano notevolmente in riferimento alla capitale Sofia o ad altre città più piccole. Gli affitti nella capitale, infatti, stanno aumentando negli ultimi tempi e variano dai 600 ai 3.000 Leva (dai 300 ai 1.500 euro) mensili per la zona del centro, a prezzi sotto i 400 Leva (200 euro) per le zone periferiche. Fuori dalla capitale gli affitti sono molto meno cari e acquistare una casa con terreno può aggirarsi intorno ai 10.000 Leva totali (5.000 euro). Inoltre, le tasse sugli immobili sono molto contenute.


Costo automobili

Il cambio favorevole aiuta molto nell’acquisto delle automobili, dove i prezzi variano dal modello che si sceglie. In Bulgaria anche il mercato della auto di seconda mano è molto prolifero, e permette di comprare macchine in buone condizioni a prezzi inferiori ai 1.000 euro. L’assicurazione auto con copertura Europea ha un costo annuale inferiore ai 200 Euro.


Costo ristoranti

Questa spesa dipende fortemente dal tipo di ristorante e dalla zona in cui ci si trova. Fuori Sofia è davvero conveniente, con 24 Leva (12 euro) si riesce benissimo a mangiare in tre persone, due portate con bevande incluse. Nella capitale Sofia la stessa cifra è sufficiente per due persone, che dimostra come il costo della vita in Bulgaria vari in base alla zona.


Costo terreni

Nel 2013 il prezzo medio di un decaro (1.000 mq) si attestava sui 594 Leva (quasi 300 euro). Nonostante un lieve calo, la regione nordorientale si riconferma la più cara: 827 bgn (420 euro) per ara. Il Sud-Est ha prezzi che partono dai 480 Leva (245 euro), il Nord-Ovest si attesta sui 598 Leva (300 euro circa) ed il Centro-Nord ha prezzi stimati intorno ai 708 Leva (355 euro). Sud-Ovest 301 Leva (150 euro), Centro-Sud in 357 Leva (180 euro). Il costo della vita in Bulgaria è ovviamente più contenuto nelle zone più distanti dalla capitale.


Costo sigarette

La Bulgaria è una delle nazioni al mondo in cui si fuma di più ma, nonostante la domanda alta, ancora il prezzo medio delle sigarette risulta basso per uno straniero. Per acquistare un pacchetto di sigarette, infatti, il costo varia dai 5,00 ai 5,60 Leva (dai 2,50 ai 2,80 euro).


Costo benzina

Il prezzo della benzina risulta essere uno dei più bassi in Europa, aggirandosi intorno ai 2,05 Leva per litro (1,00 euro circa). Il costo della vita in Bulgaria è fortemente influenzato da fattori quali il prezzo di carburanti necessari a movimentare le merci.


Costo generi alimentari

Per quanto riguarda i generi alimentari il cambio favorevole permette ad uno straniero di avere un notevole risparmio di denaro nel fare la spesa. Tra i vari esempi possiamo riportare il latte che varia da 1,50 a 2,00 Leva (0,75 cent a 1,00 euro) al litro, una dozzina di uova che ha un costo che va dai 2,40 ai 3,00 Leva (da 1,20 a 1,50 euro), e la frutta in generale con un prezzo variabile che va da 0,60 a 1,30 Leva (0,30 a 0,65 centesimi di euro).


Costo dei trasporti

In base al tipo di trasporto ci sono variazioni, comunque i prezzi sono sempre molto più bassi rispetto alla media europea. Un biglietto della metropolitana, per esempio, costa 1,60 Leva (0,80 cent. di euro), un abbonamento mensile alla metro comprensivo dell’utilizzo della rete tramviaria varia dai 50 ai 60 Leva mensili (da 25 a 30 euro). I taxi hanno prezzi davvero abbordabili che vanno dagli 0,79 agli 1,20 leva per km (da 0,25 a 0,40 cent. di euro). Anche i treni hanno costi molto bassi, solo per fare un esempio in prima classe andata e ritorno Sofia-Varna, 400 km circa di tratta, si arriva a spendere al massimo 26 Leva (13 euro a persona). Oltre a questo la Bulgaria è ben servita da una rete di voli low cost che toccano tutti i principali aeroporti del paese (Sofia, Plovdiv, Varna e Burgas).


Costo bollette in generale

Riportiamo l’esempio di un appartamento di 85 metri quadrati e le relative spese mensili. Ovviamente per appartamenti di metrature diverse i prezzi subiranno delle diminuzioni o degli aumenti, anche in base alla zona di ubicazione e alla scelta dei vari gestori. In media per luce, gas, rifiuti, acqua ed internet si paga un prezzo che varia dai 134 ai 270 Leva mensili (dai 67 ai 135 euro).


Costo divertimenti e svaghi

Per quanto riguarda questo settore molte persone si sono dette entusiaste, perché per entrare nei locali più alla moda si arriva a spendere al massimo 10 Leva (5 euro), e spesso le donne hanno addirittura l’entrata gratis. Il costo di un cocktail si aggira sui 6 Leva (3 Euro).


Conclusioni sul costo della vita in Bulgaria

Come abbiamo visto in questo articolo, il costo della vita in Bulgaria è sensibilmente inferiore a quello Italiano. Lo stipendio minimo Bulgaro è piuttosto basso, mantenendo i prezzi calmierati. Inoltre, un tasso di cambio Euro/Leva controllato genera un elevato potere di acquisto per gli Italiani in Bulgaria. Trasferire la propria residenza in Bulgaria può quindi essere, in tanti casi, una mossa vincente.


http://www.mybulgaria.it/costo-della-vita-in-bulgaria/

giovedì 7 settembre 2017

LE PAROLE PER VENDERE

Le parole sono magiche. Possono attrarre, sedurre e convincere. Oppure possono stancare, allontanare e far dubitare.

Se ti occupi di vendita e gestisci prodotti e clienti, i tuoi risultati dipendono in maniera preponderante da ciò che dici e da come lo dici.

Vuoi fare in modo che le tue parole facciano la differenza? Parole per vendere è la prima guida tascabile pensata per aumentare le probabilità di successo di ogni tua trattativa, grazie all'utilizzo efficace del linguaggio.

Nelle sue pagine scoprirai quali parole è meglio evitare e quali invece è fondamentale utilizzare, quali sono i verbi più utili per concludere una negoziazione, quali frasi rischiano di distruggere la tua credibilità e quali sono le strategie più evolute per gestire e superare le resistenze del tuo cliente.

Frutto della lunga esperienza dell'autore sul campo, sia come venditore sia come formatore Parole per Venderetrasmette anche al lettore più frettoloso un approccio innovativo rispetto alle tradizionali tecniche di vendita, perché è basato sugli strumenti della Programmazione Neuro-Linguistica.

Un testo pratico e scorrevole adatto a chi vende, a chi vuole comunicare con sicurezza ed efficacia e a chiunque lavori in contesti professionali nei quali è richiesta una comunicazione precisa, puntuale e che produca risultati immediati.
Introduzione di Alessio Roberti, l'editore

Basta andare in libreria o navigare online per accorgersi che di libri sulle tecniche di vendita ce ne sono davvero tanti. Perché allora decidere di pubblicarne un altro? Perché tra tutti quelli già a disposizione del lettore italiano mancava ancora un libro che analizzasse la vendita nella sua forma più pura, ovvero l'arte della parola.

Cos'è un venditore se non un eccellente comunicatore? Qual è la sua arma più preziosa se non l'utilizzo sapiente della lingua parlata? Ecco perché Parole per vendere, un libro che nasce dal desiderio di diffondere tutto il sapere che Paolo Borzacchiello ha raccolto in tanti anni di esperienza come venditore, formatore ed esperto di linguistica.

Un testo ricco e accessibile, in cui Paolo rende disponibili un alto numero di tecniche, strumenti, trucchi del mestiere e consigli da venditore a venditore. Pagina dopo pagina si incontrano le parole e le espressioni che favoriscono una vendita e quelle che invece è meglio evitare, che Paolo ha definito parole "tossiche".

Mantenendo la semplicità delle spiegazioni e l'immediatezza degli esempi, si scende poi a un livello più profondo, analizzando la capacità di ridefinire un problema, sostenere un'obiezione e utilizzare le domande strategiche per estrarre informazioni di qualità.

Il consiglio è naturalmente quello di testare fin da subito quello che leggerete. E naturalmente di far buon uso di qualsiasi tecnica. La magia delle parole è davvero potente.


Parole per Vendere
Scopri le parole per migliorare i tuoi risultati
Voto medio su 11 recensioni: Da non perdere

domenica 3 settembre 2017

IL CERVELLO DEGRADA ANCHE A CAUSA DELLE ABITUDINI

Avete notato che con l’avanzare dell’età avete meno voglia di iniziate un lavoro che non è abituale oppure richiede una maggiore concentrazione?.....

Ecco perché succede:
- le letture abituali,
- l’uso soltanto della lingua madre,
- i contatti continui con gli amici che vi capiscono bene,
- la visione delle solite serie TV...
tutto questo, così amato, porta al degrado del cervello. Il cervello è pigro e cerca di diminuire il consumo dell’energia creando i programmi – cliché.
Si chiamano engrammi cinestesico-innervatori, memorie di comandi motori e delle relative sensazioni propriocettive, attivate in blocco nel compiere un gesto abituale. Gli ECI permettono al soggetto, in particolari circostanze, di eseguire un movimento automaticamente, senza che vi sia il bisogno di idearlo, controllarlo o adattarlo durante il suo svolgimento.
Sono come i sentierini che i neuroni creano nel cervello ripetendo la stessa azione.


A volte i sentieri diventano strade o, addirittura, autostrade.
Il rovescio di questa capacità del cervello è l’abbassamento della sua plasticità.
Più usiamo gli engrammi e meno funzionano i gangli basali del cervello. La loro principale funzione è quella di produrre l’acetlcolina.
L'acetilcolina è un neurotrasmettitore, una sostanza prodotta dal nostro organismo per trasferire gli impulsi nervosi in molteplici punti del sistema nervoso centrale e periferico.
Pensate alla strada che state facendo tutti i giorni per andare a lavorare: le vostre azioni diventano talmente automatiche che potere nello stesso tempo leggere la posta sul cellulare, ascoltare la musica ed altro.

Perché cambiare? E’ così comodo.
Ma perché la vita è una fonte di continui cambiamenti ai quali dobbiamo adattarci, e in questa corsa vince chi riesce più in fretta cambiare il colore, da buon camaleonte, chi riesce ad acchiappare per primo la preda, con una mossa fulminea.

La plasticità del cervello va sostenuta e allenata.
Immaginate il vostro cervello come se fosse cemento: dopo un po’ diventa solido..
Avete visto i vecchi (sono la maggioranza) incapaci di apprendere le novità (come azionare un elettrodomestico, senz apaelare del computer o del telefonino), che ragionano per cliché ripetendo le stesso cose?

Quei sentieri nelle loro teste sono diventati i tunnel nelle rocce, ed è praticamente impossibile scavare in passaggio in una caverna vicina.
Il nostro compito è quello di mescolare continuamente questa “miscela”, impedendole di solidificarsi. Quando ci rilassiamo e iniziamo a usare gli engrammi, una parte del nostro cervello si solidifica e noi non ce ne accorgiamo.

(Danil Dekhanov)

NEUROSTIMOLAZIONE VARIABILE:
E' un programma che elimina i blocchi mentali!
Elimina i vecchi blocchi, giudizi, punti di vista sul mondo; in altre parole, il programma può aiutare in quelle situazioni quando avete bisogno di abbandonare le vecchie abitudini per poter guardare il mondo con uno sguardo nuovo, con la massima obiettività.
Potete usarlo quando avete bisogno dei cambiamenti: quando dovete cambiare l’umore, il vostro rapporto con qualcuno, il punto di vista su una situazione, o per togliere dei blocchi nella coscienza.
L’ascolto di questo programma può essere paragonato con un massaggio molto morbido del cervello: avviene l’eliminazione del vecchio e si prepara l’entrata dei cambiamenti .

vai al link

sabato 2 settembre 2017

LA MENTE DEL TRADER

Una guida indispensabile per comprendere il comportamento dei mercati finanziarisia da un punto di vista operativo sia da un punto di vista psicologico.

L'autore descrive le varie situazioni mentali (timore, paura, ansia, cautela, ottimismo, euforia, esaltazione) nelle quali ogni investitore si può trovare e che possono incidere sulle sue scelte operative.

La prima parte del testo evidenzia come la mente umana si relaziona con i soldi e con gli investimenti in generale. In particolare, sono descritti i vari passaggi psicologici che si verificano prima, durante e dopo ogni operazione.

Vengono quindi illustrate nel dettaglio alcune strategie mentali che possono essere adottate per impostare una profittevole attività di trading.

Nella parte centrale del libro sono approfondite le principali tecniche operative fornite dell'Analisi Tecnica, analizzate sotto l'aspetto psicologico e tecnico. Viene presa in considerazione l'analisi dettagliata dei pattern grafici ottenuti con le candele giapponesi, dei movimenti di mercato identificati con le onde di Elliott e delle indicazioni fornite dai principali indicatori quantitativi. L'obiettivo è quello di evidenziare quali sono state le dinamiche e le forze di mercato che hanno creato una certa situazione e come l'investitore può sfruttarla a suo vantaggio.

Con l'aiuto dell'analisi dei volumi e di alcuni schemi pratici si descrivono inoltre numerosi casi pratici reali, tratti dall'esperienza personale dell'autore. Sotto questo punto di vista vengono fornite alcune strategie mentali che possono essere utilizzate per impostare una profittevole attività di trading.


un passo tratto dal libro
“Io stesso sono alla continua ricerca di nuove tecniche operative e di schemi mentali per migliorarmi sempre di più. Penso che il continuo miglioramento e il perseguire nuovi obiettivi siano insiti nella natura umana.
Nei primi capitoli sono descritte le dinamiche psicologiche legate al denaro, l’importanza che ognuno di noi attribuisce al denaro e a come ci rapportiamo con esso. Perché nel trading ciò che conta è quanto guadagniamo. Non è importante applicare la tecnica con il nome più sofisticato o esotico ma quella che statisticamente ha dato i migliori risultati.
Sarà necessario analizzare il proprio “livello finanziario di trading” per comprendere come ci si approccia al profitto e alla perdita. In questo modo si comprenderanno i motivi della paura, sia di perdere ma anche di avere successo, e dell’immobilismo da trading. Capiremo perché una persona è destinata al successo o all’insuccesso.
Analizzeremo anche tecniche di modeling, così da replicare gli atteggiamenti e le tecniche dei trader”


Passi di: Probo, Giacomo. “La mente del trader: Trading vincente senza farsi condizionare dalle emozioni (Marketing e management) (Italian Edition)”. iBooks.




La Mente del Trader Giacomo Probo La Mente del Trader
Trading vincente senza farsi condizionare dalle emozioni
Giacomo Probo

Compralo su il Giardino dei Libri

martedì 29 agosto 2017

BRAINSTORMING




Cosa fare quando cerchi una soluzione a un problema , e la sua testa non è pronta? Ti può aiutare brainstorming.

Brainstorm - una stimolazione del cervello in una vasta gamma di frequenza da theta a ritmi gamma, il suo compito é introdurre l'ascoltatore in uno stato in cui si inizierà a pensare in maniera non stereotipata. Al momento dell'ascolto non bisogna concentrarsi  sui suoni del programma, ma ponetevi davanti al problema da risolvere

Si sta lavorando alla creazione di un business ,a un motore innovativo o stai cercando al modo di come trovare i soldi per comprare la macchina? Non importa -  brainstorming vi aiuterà a trovare una soluzione.

Ascoltate questo programma solo con cuffie stereo.

Descrizione dettagliata delle tecniche di meditazione qui: http://it.advanced-mind-institute.org/?affiliate=TRKCASWQK8H

ATTENZIONE! Assicuratevi di controllare che l'orecchio destro sul lato destro e la sinistra a sinistra. Questo  è molto importante.

1 Dopo aver ascoltato la primai prendete una pausa e continuare a pensare ala vostra operazione. Se una soluzione non si trova nell'arco di mezz 'ora la sessione di brainstorming può essere ripetuta. Alla fine, la soluzione verrà a voi, Brainstorm é molto efficace

ascoltare questo programma,e nelle ore del mattino o del pomeriggio. Durante l'ascolto di notte si può rischiare il  fenomeno come l'insonnia.

Il sito dell 'Istituto per il miglioramento della coscienza
http://it.advanced-mind-institute.org/?affiliate=TRKCASWQK8H

Questo programma non è raccomandato per ascoltare le persone con epilessia, le persone con pacemaker cardiaco stabilito, le donne in gravidanza e adolescenti fino a 16 anni.

© Lenny Rossolovski 2014. Tutti i diritti riservati,

domenica 27 agosto 2017

GUIDA FISCALE PER HOBBISTI: COME VENDERE PRODOTTI HOMEMADE

Questo contributo è dedicato a fare chiarezza in merito alla disciplina fiscale che gli hobbisti devono rispettare per la vendita dei propri realizzati homemade. Le moltissime domande che ci pervengono su questo argomento mostrano come l’attività di vendita di oggetti realizzati da hobbisti generi molta confusione, sia perché la normativa da rispettare è molto variegata (oltre alla normativa nazionale vi sono poi i vari regolamenti regionali), sia perché su internet ci sono molte fonti di informazione, ma non tutte aggiornate o corrette. Cerchiamo, quindi di dare una piccola guida utile a tutti gli hobbisti che vogliono provare a vendere i propri prodotti.

Chi è l’hobbista? – Prima di entrare nel vivo della disciplina è opportuno andare a chiarire chi sono i soggetti che possono essere considerati hobbisti, e come si differenziano dai venditori professionisti? In Italia non esiste una disciplina nazionale che regolamenti l’hobbistica, infatti l’articolo 28 del D.Lgs. 114/98 rimanda alle varie disposizioni regionali che a loro volta definiscono gli hobbisti come operatori non professionali che vendono, propongono, espongono, o barattano, in modo sporadico ed occasionale, prodotti di modico valore, per lo più opere della propria creatività o del proprio ingegno.

In pratica, gli elementi che caratterizzano un hobbista, sono i seguenti:
Vendita, baratto o scambio di prodotti di modico valore, cioè prodotti che non possono in ogni caso avere un valore superiore a €. 250 (il limite in alcune regioni scende fino a €. 100);

Svolge l’attività in modo occasionale, cioè in modo del tutto saltuario (max. 30 giorni l’anno), in modo non professionale, senza vincolo di subordinazione e senza vincolo di mezzi (ad esempio, rispetto il limite se decido di partecipare a uno/due mercatini l’anno, ma non se pratico tutti i mercatini della regione, ogni settimana);

I ricavi derivanti dall’attività, che devono essere certificati dal rilascio di una ricevuta non fiscale, non possono superare la soglia dei €. 5.000 annui.

Se vi rispecchiate in questi requisiti allora rientrate nella categoria degli hobbisti, ovvero dei soggetti che vendono prodotti realizzati in home made, in maniera non professionale e potete trovare di seguito la guida per vendere in tranquillità i vostri prodotti.

In caso contrario, se non rientrate in questi requisiti, voi siete dei veri e propri venditori professionisti, ovvero soggetti che pur realizzando i propri prodotti in maniera autonoma e artigianale, effettuano un’attività di vendita continuativa ed organizzata a prescindere dalla natura dei beni commercializzati. Se la vostra attività di vendita è continuativa (ad esempio vendete online), se vendete in maniera professionale con un marchio, oppure con un’organizzazione di mezzi (avete un locale, usate pubblicità, cartellonistica, ecc), oppure avete superato la soglia dei €. 5.000 annui, allora siete dei commercianti, e come tali siete soggetti all’obbligo di apertura della partita Iva, all’iscrizione alla Camera di Commercio (sezione commercianti o artigiani), alla presentazione della Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) al vostro Comune, e alla tenuta delle scritture contabili (quest’ultimo obbligo peraltro ha un contenuto differente a seconda del regime fiscale al quale si è assoggettati). Naturalmente in questo caso è indispensabile la consulenza di un Dottore commercialista, che si occupi di affiancarvi sia per gli adempimenti fiscali (dichiarazione dei redditi e tenuta della contabilità), sia per i vari adempimenti amministrativi. Per chi volesse maggiori informazioni ci contatti pure nei commenti.

Hobbisti e ricevuta non fiscale – Come abbiamo appena visto l’hobbista è un venditore occasionale, che per diletto decide di vendere un prodotto che ha realizzato, effettuando un’attività del tutto artigianale (non in serie), e con compensi limitati nel corso dell’anno. Per questi soggetti, quindi, la normativa fiscale è piuttosto semplice. Basterà rispettare poche semplici regole per essere in regola con il Fisco. La prima regola riguarda l’emissione della ricevuta non fiscale. La ricevuta non fiscale è la ricevuta che viene emessa da parte dei privati (non titolari di partita Iva), quando effettuano la cessione di un bene. La ricevuta deve essere emessa al momento di incasso del corrispettivo di vendita, e sulla stessa deve essere sempre apposta una marca da bollo da €. 2,00. La marca da bollo è a carico del cedente, ma può essere addebitata all’acquirente. Per maggiori informazioni sulla compilazione della ricevuta non fiscale e per scaricare una bozza di ricevuta, vi riamando a questo articolo: “Ricevuta: istruzioni per l’uso”.

La seconda regola riguarda la conservazione delle ricevute emesse. Le ricevute, oltre che per attestare l’avvenuta transazione di denaro, rappresentano un documento che vi sarà utile per capire se dovete predisporre la dichiarazione dei redditi. In questa sede non è possibile trattare tutti i casi, ma vi basti sapere che se non avete altri redditi nell’anno, se avete effettuato cessioni sino €. 4.800, siete esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei redditi. In caso contrario (se ad esempio siete anche lavoratori dipendenti) dovrete indicare, nel quadro dei redditi diversi, di cui all’articolo 67, comma 1, lettera i) del Tuir, (quadro D del modello 730 o quadro RL del modello Unico), i compensi percepiti dalle vendite di oggetti homemade.

La vendita nei mercatini – Solitamente gli hobbisti che desiderano vendere i propri prodotti, partecipano a mercatini occasionali organizzati da varie associazioni presenti nei vari comuni, oppure dal comune stesso. In questo caso è necessario essere in possesso di tutta la documentazione necessaria per la “vendita temporanea”, da esibire in caso di possibili controlli da parte delle forze dell’ordine:
Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà che il venditore deve presentare presso il Comune dove si svolge, in cui si dichiara di esercitare l’attività di esposizione e vendita di proprie opere d’arte, nonché quelle dell’ingegno a carattere creativo senza necessità di autorizzazione amministrativa (articolo 4, comma 2, lettera h), D.Lgs. n. 114/98). Non vi è un modello standard, ma potete trovare il modello di vostro interesse presso la pro loco competente per il proprio Comune, oppure presso le varie associazioni che si occupano di promuovere i vari mercatini locali;
Tesserino degli hobbisti. Varie normative regionali o comunali prevedono il rilascio di un tesserino degli hobbisti obbligatorio per esporre le proprie creazioni nei mercatini (il tesserino ha un costo variabile);
Eventuale altra documentazione aggiuntiva richiesta dai singoli Comuni, come ad esempio, il pagamento della tassa legata all’occupazione di suolo pubblico.

Come vi sarete accorti è impossibile riassumere tuta la normativa regionale o comunale in dettaglio, in quanto ognuna ha regole proprie. Per questo motivo è sempre opportuno informarsi presso il Comuneove si svolge la manifestazione, oppure presso l’ente che organizza il mercatino. Ricordo agli hobbisti che è possibile partecipare anche a più mercatini durante l’anno, a condizione che non si superino i 30 giorni l’anno in cui si effettua la vendita.

In alternativa alla vendita nei mercatini è possibile utilizzare la formula dei temporary shop, ovvero negozi temporanei, che restano aperti per meno di 30 giorni all’anno, per i quali gli adempimenti amministrativi e fiscali sono molto ridotti. Per maggiori informazioni su questo tipo di attività vi rimando a questo contributo: “Temporary store: guida all’apertura e adempimenti“.

La vendita su internet – Accanto alla tradizionale vendita dei prodotti nei mercatini, molti hobbisti preferiscono provare a vendere sfruttando internet. Ebbene, in questo caso le cose si complicano, ed è necessario prestare molta attenzione. In linea generale, ad un hobbista non è consentito avere un proprio sito internet dove si espongono i propri prodotti se sugli stessi vi sono applicati prezzi di vendita, senza la preventiva apertura di una partita Iva. Attenzione, questo non vuol dire che un hobbista non possa avere un proprio sito vetrina dove espone le proprie creazioni, ma soltanto che se sul sito non possono essere esposti prezzi di vendita, se non si è preventivamente aperto partita Iva. Infatti, il primo aspetto da chiarire è che per il Fisco il soggetto che apre un proprio sito internet per la pubblicizzazione o la vendita di prodotti, e considerato a tutti gli effetti un commerciante, e come tale deve sottostare a tutti gli obblighi fiscali, contabili e amministrativi visti sopra, per i soggetti che devono aprire partita Iva. Chi fosse interessato ad avere maggiori informazioni su questa disciplina, può trovare aiuto da questo contributo: “Aprire partita Iva per la vendita di beni in e-commerce”.

Per tutti gli altri hobbisti, che invece, non ritengono opportuno, o non sono interessati, alla vendita professionale, è possibile ovviare a tutti questi adempimenti, facendovi ospitare da altri siti web, come vetrina per i vostri oggetti. Infatti, l’hobbista che desidera vendere le proprie creazioni online senza possedere partita Iva, può avvalersi di uno dei tantissimi marketplace, dove esporre i propri prodotti. Vi possono essere marketplace dedicati esclusivamente ad uno specifico settore merceologico, come misshobby.com, etsy.com, e molti altri, oppure marketplace generalisti, destinati ad ospitare vari prodotti e servizi, come e-bay.it, subito.it, ecc. Tuttavia anche in questo caso è necessario prestare la dovuta attenzione, in quanto anche in questo caso la vendita deve essere occasionale, come visto per i mercatini reali (non virtuali). Se l’attività di vendita online è organizzata, abituale (si lasciano prodotti in vetrina sul sito per settimane), e si superano le soglie di vendita di €. 5.000 all’anno, allora anche in questo caso è necessaria l’apertura di una partita Iva.

In conclusione, possiamo dire che per effettuare la vendita di prodotti realizzati home made, è necessario prestare molta attenzione alla normativa civilistica e fiscale in vigore. Per questo motivo, quanti di voi avessero ancora qualche dubbio in merito, possono contattarci tramite i commenti, oppure tramite l’apposito servizio di assistenza online.

giovedì 24 agosto 2017

Grandissime News da Agam/Questra World

[AGGIORNAMENTO IMPORTANTE]


LIVE AGAM/QUESTRA 22 Agosto 2017:

AGAM ha ripreso a lavorare il 21 Agosto, come da programma. Le ferie forzate sono state necessarie per comprendere, studiare e osservare il mercato delle criptovalute e la sua stabilità.
Il mercato è stabile quindi Agam riprende più forte di prima.

Dal 2009 al 2015 Agam ha lavorato principalmente in un mercato fatto di obbligazioni, IPO, factoring e rifinanziamenti. Dal 2016 ad oggi ha iniziato a lavorare nel settore fintech soprattutto investendo in blockchain e in criptovalute.

In poco tempo il guadagno della società proveniva per il 30% dalle vecchie operazoni e per il 70% dagli investimenti in criptovalute. Con due grafici a confronto capiamo quanto è difficile spiccare come leader proseguendo sulla vecchia strada e quanto invece è enorme il potenziale della nuova strada (fintech) che regala ad agam la possibilità di essere prima in un mercato in crescita esponenziale.

Agam ha degli obbiettivi molto grandi, anzi.. grandissimi. Vuole ingrandirsi tanto da gestire nei prossimi anni un fondo da 5 miliardi di dollari... e lo farà! Ma questo obiettivo NON è raggiungibile se la società segue due strade diverse, così diverse che non riescono proprio ad incontrarsi (obbligazioni&IPO + Fintech).

La società deve decidere per garantire a se stessa e ai suoi clienti il miglior futuro possibile ed è per questo motivo che è stata annunciata la separazione dei due ruoli fondando una nuova società che si occuperà di coltivare il mercato che segue la vecchia strada mentre Agam continua singolarmente sul sentiero Fintech.

Nasce così Five Winds Asset Management (FWAM), una spalla per Agam che ne alleggerisce il lavoro permettendole di spiccare il volo in questo nuovo mondo ricco che è la tecnofinanza (Fintech). Questa nuova società continuerà ad operare con obbligazioni, IPO, factoring e rifinanziamenti ed il suo lavoro sarà limitato ad Europa e Russia mentre Agam lavorerà in Asia, Africa e tutti gli altri continenti che non sono di competenza della FWAM.

In poche parole abbiamo la stessa situazione ma con due protagonisti. I pacchetti sono gli stessi e i guadagni sono gli stessi, allora cos'è cambiato?

E' cambiato TUTTO!
Il reale motivo per cui Agam ha dovuto creare una nuova società è che le banche e i clienti ne ostacolavano la crescita. In che modo? Le banche non conoscono la tecnologia blockchain e non hanno potere sulle criptomonete (perchè decentralizzate) quindi ostacolano la crescita di Agam (società legate strettamente a questo mercato) non concedendo licenze, creando problemi per l'emissione di carte di debito, impedendo transazioni verso il fondo, bloccando l'apertura di filiali ecc. mentre i clienti non comprendono il potenziale del settore Fintech quindi diffidano e diffamano, un po' per ignoranza un po' perchè le rivoluzioni sono difficili da vedere.

Cosa succede ora? Agam lavorerà esclusivamente in Asia, Africa ecc e lo farà soltanto per i clienti di quei paesi mentre in Europa e Russia avremo il piacere di lavorare con la nuova FWAM. Chi è registrato in Agam e risiede in Europa o Russia verrà spostato sulla nuova piattaforma. Il presidente di entrambe le società è lo stesso quindi NO PANIC, non siamo gli sfigati che guadagno meno rispetto ad Agam, il pentolone in cui tutti noi veniamo gettati è lo stesso ma per questioni burocratiche apparteniamo a diverse società. I guadagni sono gli stessi per tutti, indipendentemente se si lavora con FWAM o AGAM.

Se ti stai chiedendo quando accadrà tutto questo bè.. sta già accadendo!

La società è già registrata e il sito dove poterla scoprire è https://my.fivewindsam.com/#/sign-up/partner=P09201488758197
Il passaggio da una parte all’altra per i clienti di Agam avverrà nella prima parte del mese di settembre e intanto ogni azione può essere svolta con serenità (anche l’iscrizione di nuovi utenti).

Intanto cosa succede a Questra World? Come farà a lavorare per due società diverse con lo stesso ritmo di crescita che ha tenuto per Agam? Ovviamente è impossibile.
Questra World è un broker pubblicitario e deve garantire una corretta promozione dell’attività di Agam quindi non si occuperà di FWAM. Quindi questa nuova società non avrà nessuna pubblicità e nessun network?


TUTTO IL CONTRARIO!


La nuova società sarà affiancata in maniera totale (con la stessa efficienza che Questra World affianca AGAM) da una società registrata in Svizzera chiamata Questra World Lianora Swiss Consulting SA. L’operato di questa società è indipendente da Questra World.

Per chi non sapesse quali sono i risultati che Questra World ha avuto nell’ultimo anno di lavoro lascio qualche dato:

Ci sono già 6 Uffici di Rappresentanza nel mondo che sono punti di riferimento importantissimi per operare nei paesi in perfetta sintonia con banche e enti di uno stato preciso. Abbiamo quindi Spagna, Emirati Arabi, Russia, Turchia, Kazakistan, Vietnam già operativi mentre saranno aperti nelle prossime settimane altri uffici della stessa importanza in China, Singapore, India, Corea del Sud e Sud Africa. Oltre a questi uffici aperti dalla società stesa nell’ultimo anno sono stati aperti oltre 1000 centri di consulenza dedicati a Questra World in tantissimi paesi (in Italia a breve ne avremo alcuni anche noi) dai singoli agenti/direttori che ormai sono più di 413.000 in tutto il mondo.

Ci saranno degli eventi nei prossimi mesi ed entro la fine dell’anno vedremo queste società fare il loro lavoro al meglio. Mi aspetto da questo cambiamento grandissimo una vera e propria rivoluzione per il business di Agam e Questra World

Nuovo link Iscrizione IvanoV Sponsor
https://my.fivewindsam.com/#/sign-up/partner=P09201488758197

domenica 20 agosto 2017

ADVCASH INFO

Se hai un'attività di commercio elettronico, se investi nelle hyip, se vuoi uno strumento sicuro e veloce per inviare e ricevere denaro quello che ti serve è un E-wallet, un portafoglio elettronico.

Quando si sceglie a quale azienda di trasferimento fondi affidare il proprio denaro bisogna tenere in considerazioni alcuni aspetti, tipo le aree in cui opera, i circuiti al quale fa affidamento, come si può finanziare il proprio conto e ritirare denaro etc.




La cosa migliore da fare è sicuramente affidarsi ad un portafoglio elettronico fra i più famosi al mondo come

ADVANCED CASH ( ADV CASH ).

Fra i pregi di questo strumento di trasferimento fondi c'è sicuramente la convenienza.

Infatti ha i più bassi costi di operazione fra gli e-wallet più utilizzati e la totale assenza di costi per gli accrediti...

Strumento utile per chi fa E-commerc perchè permette di accettare pagamenti dal mondo tramite il circuito API.

Possibilità di inviare e ricevere denaro in tutto il mondo usando l'indirizzo E-Mail.

Portafoglio BITCOIN.

Noi del Team di LAVAFIN abbiamo un solo difetto da imputare a questa piattaforma ed è la scarsità di sistemi di finanziamento del conto, non permette di alimentare la propria posizione con le carte di debito che sono state emesse al di fuori dell'Ucraina, ma si possono utilizzare i bonifici Sepa dal c/c bancario, il trasferimento da moltissimi E-wallet come PAYEER , si può ricevere denaro da altro accont ADV e dalle agenzie di cambio.

Inoltre è possibile scambiare moneta con bassi costi.



Ricordiamo anche che c'è la possibilità di richiedere la carta ADV MASTERCARD utilizzabile in qualsiasi parte del mondo in dollari, euro o rubli.

Per ulteriori informazioni ed iscrizione gratuita cliccate questo link: VAI SU ADVCASH

sabato 19 agosto 2017

DA LEGGERE ASSOLUTAMENTE PER TUTTI COLORO CHE HANNO ANCORA DUBBI IN QUESTRA / AGAM

Si prega di leggere immediatamente - Il nostro investigatore aziendale pensionato, che ha investito oltre € 100k, ha inviato un altro avvocato-investigatore in Questra World a Madrid per indagare. Ecco i risultati - OGGI !!!


Oggetto: QUESTRA WORLD è reale!
Data: 18 agosto 2017 alle 2:57:34 PM PDT
Il mondo di Questra è reale. Uffici piacevoli e moderni al terzo piano del Palazzo Reale. Brave segretarie, I principali erano tutti in vacanza fino alla fine della prossima settimana. Ho chiesto un biglietto da visita; che mi hanno prontamente fornito. Ho chiesto se il loro capo esecutivo era a Capo Verde e hanno detto di sì, ma il centro operazioni è stato in questo ufficio a Madrid, e che è una società spagnola. Ho Incontrato con un direttore generale degli investimenti e firmato una NDA. Posso dirti tutto perché so che lo sai già, e tu mi hai mandato qui. Illustra come commercia, e come viene generato il profitto. Era impressionante. I rendimenti e gli scambi sono in diversi mercati e settori. Ho visto rapporti commerciali per titoli azionari, azioni globali e merci. Ho anche visto rapporti di reddito per anticipi commerciali e prestiti aziendali. Le ultime relazioni che ho visto elencate asset fisse non identificate ma quotate e reddito e rapporto di spesa che sembravano un documento di profitto e perdita standard. Era tutto nero su bianco. Ha notato che i rapporti commerciali per la corrente criptata non erano disponibili in quanto sono stati sottoposti a revisione. Ultimamente ha notato e discusso l'ultimo investimento nel settore bancario globale. Parliamo per un po in proposito, ma è in grado di condividere informazioni sulla superficie solo perché la transazione è ancora in garanzia. Mi tengo aggiornato grazie

vedi anche
http://ideeinnovativeperguadagnare.blogspot.it/2017/03/info-generali-questra-holdings-atlantic.html




Our Retired Corporate Investigator, who also invested over $100k, sent another Attorney-Investigator to Questra in Madrid to investigate. Here are the findings - TODAY!!!
Subject: Questra World is real!
Date: August 18, 2017 at 2:57:34 PM PDT
Questra World is real. Nice offices on third floor of modernized traditional Madrid office building near the Royal Palace. Gorgeous secretary. The principals were all out on vacation until the end of next week. I asked for a business card; which she provided. I asked if their executive HQ was in Cape Verde. She said yes, but the operations center was in this office in Madrid, and that it is a Spanish company. I meet with a Sr. Director of Investments and signed an NDA. I can tell you everything because I know you already know, and you sent me here. He outline how they trade, and how the profit is generated. It was impressive. The returns and trades are in various markets, and sectors. I saw trade reports for equities, global stocks, and commodities. I also saw income reports for merchant advances and business loans. The last reports I saw listed hard assets which were not identified but listed and income and expense report that looked like a standard profit and loss document. It was in the black. He noted the trade reports for the crypto current was not available as it was being audited. Last he noted and discussed the latest investment in the global banking. We talking for some time about this, but he could only share surface information as the transaction is still in escrow. I’m in Man…Thank You...